Qui puoi vedere ed ascoltare gli interventi all’assemblea del 9 giugno. Un GRAZIE a Radio Radicale.

La riflessione iniziata con l’assemblea di domenica 9 non si deve disperdere né interrompere. Per questo teniamo il sito aperto ai vostri contributi e proposte: inviateli a info@la-sinistra.it scrivendo “con richiesta di pubblicare”.

Poi, tutt* coloro, singol* o collettivi che desiderano comunicarci incontri, iniziative, assemblee sono pregati di comunicarceli, per essere inseriti tra gli eventi, usando la mail info@la-sinistra.it e scrivendo nell’oggetto o a inizio messaggio “iniziativa”.

Infine, se desiderate iscrivervi alla news letter, fate click su questa immagine

 

Una sola priorità democratica: il ritorno al sistema proporzionale.

Comunicato de “la Sinistra”

Matteo Salvini non è il padrone, non può convocare il Parlamento quando gli aggrada né sciogliere le camere a piacimento. In verità questa grottesca crisi di metà agosto gli serve per fuggire dalle inchieste giudiziarie che lo concernono, evitare la mozione di sfiducia individuale, non fare i conti con la legge di bilancio, e con il probabile aumento dell’Iva.

Ora è fondamentale cancellare una legge elettorale sbagliata come il Rosatellum. Per tornare a un sistema proporzionale puro, con il diritto dell’elettore di scegliere il candidato, senza premi di maggioranza, né coalizioni imposte né possibili ricatti in nome del voto utile. Solo il proporzionale può garantire, e non da ora, la nostra Costituzione e il sistema di garanzie interne previste. Allo stesso tempo confermiamo la nostra completa contrarietà alla riforma costituzionale in discussione ed alla proposta di legge elettorale antidemocratica che l’accompagna.

La SINISTRA

 

 

Sulle elezioni di Ursula von der Leyen

Maurizio Acerbo – Dopo una serie di promesse vuote dell’ultimo minuto, sufficienti a convincere il centro, Ursula von der Leyen è riuscita a mettere insieme una maggioranza per installarsi come…

Carola Rackete ha salvato dei naufraghi

Carola Rackete ha salvato dei naufraghi. Li ha portati in Italia perché la Libia – come ora riconosce il ministro degli Esteri Moavero – non è un porto sicuro. Dopo…

La Sinistra deve andare avanti

di Giovanni Russo Spena – La Sinistra deve andare avanti. Con una fase di ascolto, dibattito, assemblee territoriali soprattutto. Ma senza arroccarsi su se stessa in un congresso permanente ,…

SECESSIONE DEI RICCHI ? NO GRAZIE !

“La Sinistra” contro Il progetto di autonomia differenziata, o meglio della “secessione dei ricchi”, che arriva alla resa dei conti. Riprende in queste ore il percorso verso il “Regionalismo differenziato”.…

Il cambiamento necessario – assemblea a Verona

Noi de LA SINISTRA riteniamo indispensabile affrontare le grandi sfide del futuro andando alla radice dei problemi. Ad esempio, per combattere i cambiamenti climatici non riteniamo sufficiente un ambientalismo solo…

Grazie, candidat@

I curriculum, i certificati penali, le pagine fb di tutt@ @ candidat@ sono raggiungibili dalla voce candidat@ .

Ma abbiamo pensato che @ candidat@ che, assieme al simbolo, sono la forza de la Sinistra, richiedessero uno spazio meno formale e abbiamo dedicato loro quello qui accanto, dove compaiono in ordine casuale.

Se desiderate vederl* tutt* insieme potete fare click QUI.

Contro il neoliberismo, contro i nazionalismi.

Per un’alternativa di sinistra, antirazzista, femminista, ecologista in Europa.

Le prossime elezioni europee rappresentano una sfida molto alta: costruire uno spazio politico alternativo sia alla prosecuzione delle politiche neoliberiste, causa di disuguaglianze e povertà, sia al crescere della barbarie dei razzismi e dei nazionalismi.
Uno spazio a disposizione di quei movimenti che oggi costituiscono la principale speranza su scala planetaria: il movimento delle donne che partendo dalla denuncia della violenza maschile mette in discussione tutte le forme di dominio – di sesso, di classe, di culture -, ed il movimento per il clima e l’ambiente che vede una generazione di ragazze e ragazzi pretendere un futuro per la terra e le specie viventi, quindi un cambiamento radicale del modello di sviluppo. Uno spazio a disposizione di chi nel nostro paese in questi anni ha condiviso l’impegno per la difesa e l’attuazione della Costituzione nata dalla Resistenza, le lotte per la difesa dei beni comuni e i diritti civili e sociali, l’opposizione alle “riforme” neoliberiste a partire da quella delle pensioni, alle privatizzazioni, alla precarizzazione del lavoro. Uno spazio per chi si schiera da anni contro xenofobia e razzismo nelle mobilitazioni e nella solidarietà attiva.
L’Europa che vogliamo costruire si fonda sulla democrazia reale e sull’autodeterminazione di donne e uomini; sulla giustizia sociale, ambientale e fiscale; sulla redistribuzione della ricchezza e del lavoro; sulla riconversione ambientale e sociale dell’economia; sul diritto al reddito e sui diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, sulla solidarietà contro le politiche securitarie e di respingimento delle e dei migranti; sulla pace, il disarmo e la cooperazione internazionale.
Per questo è necessario rompere la gabbia neoliberista definita dai trattati e porre fine alle politiche di austerità, che hanno aumentato le disuguaglianze sociali nei paesi della UE e gli squilibri fra paesi dell‘Unione, fornendo terreno fertile per i tanti imprenditori della paura e dell’odio, facendo risorgere nazionalismi, xenofobia, razzismo.
Lavoriamo in Italia ed in Europa per la confluenza di tutte le soggettività politiche, culturali, sociali, civiche e di movimento, che si battono per l’uguaglianza, la solidarietà, l’umanità, con un programma i cui punti fondamentali si articolano a partire dalla piattaforma del Partito della Sinistra Europea e dal Green New Deal di Primavera europea.

Menu